Contrasto: Cambia il contrasto dei colori di questa pagina Cambia il contrasto dei colori di questa pagina
| Dimensione del testo: A A A
Telecom Italia S.p.A. Home page

Nomina di un consigliere

Signori Azionisti,

a seguito delle dimissioni rassegnate dal Consigliere Gianni Mion, il Consiglio di Amministrazione, nella riunione del 27 febbraio 2009, ha cooptato Stefano Cao, che - come per legge - resterà in carica fino all’Assemblea.

Poiché, nel caso di specie, non trova applicazione il meccanismo del voto di lista, previsto dallo Statuto della Società per il solo caso di integrale rinnovo dell’organo, vi viene proposto di nominare Amministratore della Società il citato Stefano Cao (il cui curriculum vitae viene di seguito allegato) per la durata residua del mandato del Consiglio di Amministrazione in carica, e dunque fino all’approvazione del bilancio al 31 dicembre 2010.

Tutto ciò premesso, il Consiglio di Amministrazione sottopone alla Vostra approvazione la seguente

Proposta

L’Assemblea di Telecom Italia S.p.A.,

  • viste le dimissioni dalla carica di Consigliere di Amministrazione rassegnate da Gianni Mion;
  • tenuto conto che il mandato del Consiglio di Amministrazione in essere scadrà con l’approvazione del bilancio al 31 dicembre 2010 (come da deliberazione dell’Assemblea del 14 aprile 2008),

delibera

di nominare Stefano Cao Amministratore della Società con scadenza insieme agli Amministratori in carica e dunque con durata fino all’approvazione del bilancio al 31 dicembre 2010.

Stefano Cao

Stefano Cao è stato Direttore Generale della Divisione Exploration & Production in Eni fino all’agosto 2008. Da aprile 2007 ad aprile 2008 è stato Consigliere Indipendente di Telecom S.p.A.. Stefano Cao è nato a Roma nel 1951, ed è laureato in Ingegneria Meccanica.

Nel 1976 è stato assunto in Saipem S.p.A.; dal 1976 al 1980 ha lavorato come Field Engineer e Operation Manager nella Divisione Offshore Construction. E’ stato Capo Cantiere con la responsabilità del montaggio del gasdotto sottomarino Transmed tra la Tunisia e la Sicilia, caraterizzato dalla profondità di oltre 600 metri

Dal 1980 al 1986 è stato responsabile di numerosi incarichi all’Estero: Project Manager nel Regno Unito; Area Manager in Danimarca; Operation General Manager di alcuni dei maggiori progetti di condotte in mare aperto nel Mare del Nord.

Rientrato in Italia nel 1986, è stato nominato Engineering Manager e nel 1988 Vice General Manager and Operation Manager con la responsabilità della Divisione Offshore Construction in Saipem S.p.A.. Nel 1991 con l’acquisizione della nave Saipem 7000, la più avanzata “Heavy Lift Vessel” del mondo, la Divisione ha esteso le sue capacità tecnologiche, diventando leader anche nelle attività di installazioni di grandi piattaforme per idrocarburi.

Nel 1993 è stato nominato Direttore Generale delle Attività Tecniche e Commerciali di Saipem S.p.A., nel 1996 Amministratore Delegato con deleghe operative, nel 1999 Presidente e CEO della Società. Nello stesso periodo, la Società ha avuto un importante sviluppo, tra l’altro rafforzandosi nel settore della perforazione in acque profonde, aggiungendo alla propria flotta lo Scarabeo 7 e la Saipem 10000, nonché progettando e realizzando le apparecchiature di posa per la Saipem 7000, che hanno reso possibile la finalizzazione del contratto per il Blue Stream Project con la joint venture tra Gazprom ed Eni, il più complesso progetto di gasdotto sottomarino mai realizzato (oltre 2100 metri di profondità).

Nel 2000 ha lasciato Saipem S.p.A. ed è stato nominato Direttore Generale della Divisione Exploration & Production di Eni SpA. Nel 2001 la Independent E&P Company Lasmo PLC è stata acquistata mediante offerta pubblica. Ciò ha rappresentato un momento di svolta nella crescita della produzione di idrocarburi della Divisione.

Negli stessi anni Eni è diventata Operatore Unico del Consorzio comprendente alcune delle maggiori Compagnie petrolifere mondiali per lo sviluppo nell’area del Kashagan, la più importante scoperta di idrocarburi negli ultimi 35 anni situata nel settore kazaco del mar Caspio.

Nel 2004-2007 sono state acquistate la compagnia norvegese Fortum, ‘Mboundi Oil Field in Congo e le attività di produzione di idrocarburi nel Golfo del Messico della Compagnia Dominion. Dal 2002 al 2006 è stato Presidente di Assomineraria, associazione affiliata a Confindustria che riunisce le imprese operanti nell’esplorazione e produzione di idrocarburi, nelle attività minerarie e le relative società di costruzione, e dal 2002 al 2006 ha ricoperto il ruolo di Presidente di Eni Corporate University S.p.A., società con la responsabilità di assumere e preparare risorse umane per le attività in tutto il mondo.

Il 16 febbraio 2009 è stato nominato Amministratore Delegato e CEO di Sintonia SA.