Contrasto: Cambia il contrasto dei colori di questa pagina Cambia il contrasto dei colori di questa pagina
| Dimensione del testo: A A A
Telecom Italia S.p.A. Home page

Bilancio al 31 dicembre 2008 - deliberazioni inerenti e conseguenti

Signori Azionisti,

il progetto di bilancio d’esercizio che viene presentato all’approvazione dell’Assemblea evidenzia un utile netto di 1.499.995.748,51 euro.

Tale risultato permette di proporre agli Azionisti la distribuzione di un dividendo in ragione di 0,05 euro per azione ordinaria e di 0,061 euro per azione di risparmio.

L’ammontare del dividendo complessivo distribuito varierà in funzione del numero di azioni con godimento regolare nel giorno di messa in pagamento del dividendo, al netto delle azioni proprie in portafoglio della Società (al 27 febbraio 2009 pari a n. 26.272.014 azioni ordinarie) e tenendo conto del numero di azioni suscettibili di sottoscrizione agli effetti degli aumenti di capitale previsti all’art. 5 dello Statuto sociale, ed effettivamente emesse entro quella data.

Gli importi a titolo di dividendo saranno messi in pagamento a partire dal prossimo 23 aprile 2009, mentre la data di stacco cedola sarà il 20 aprile 2009.

Tutto ciò premesso, il Consiglio di Amministrazione sottopone alla Vostra approvazione la seguente

Proposta

L’Assemblea di Telecom Italia S.p.A.,

  • esaminata la relazione finanziaria annuale 2008;
  • preso atto delle relazioni del Collegio Sindacale e della società di revisione Reconta Ernst & Young S.p.A.;
  • considerato che il numero complessivo delle azioni con godimento regolare alla data proposta di stacco cedola sarà nel massimo pari a n. 13.657.095.614 azioni ordinarie e a n. 6.026.120.661 azioni di risparmio;

delibera

  1. di approvare il bilancio di esercizio della Telecom Italia S.p.A. chiuso al 31 dicembre 2008, dal quale risulta un utile netto d’esercizio di 1.499.995.748,51 euro;
  2. per quanto riguarda l’utile d’esercizio,
    1. a. di accantonare alla riserva legale utili in ragione di massimi 30.393.156,42 euro e comunque non oltre la misura necessaria a che la riserva legale raggiunga l’ammontare del quinto del capitale sociale attestato ed esistente al momento dell’assunzione della presente deliberazione;
    2. b. di riconoscere agli Azionisti un dividendo complessivo calcolato sulla base dei seguenti importi, che verranno applicati al numero delle azioni ordinarie e di risparmio di cui saranno titolari (escluse quindi le azioni proprie in portafoglio della Società) allo stacco di detto dividendo:
      • 0,05 euro per ciascuna azione ordinaria,
      • 0,061 euro per ciascuna azione di risparmio, al lordo delle ritenute di legge. Resta inteso che l’utile non distribuito a titolo di dividendo sarà riportato a nuovo;
    3. c. di riportare a nuovo l’utile residuo;
  3. di dare mandato al Consiglio di Amministrazione - e per esso al suo Presidente - di accertare a tempo debito, in relazione all’esatto definitivo numero di azioni oggetto di remunerazione, l’ammontare dell’utile distribuito e dell’utile riportato a nuovo;
  4. di mettere in pagamento il dividendo a partire dal 23 aprile 2009, con stacco cedola in data 20 aprile 2009.