Contrasto: Cambia il contrasto dei colori di questa pagina Cambia il contrasto dei colori di questa pagina
| Dimensione del testo: A A A
Telecom Italia S.p.A. Home page

Contesto Competitivo

Telecomunicazioni Fisse

Al 31 dicembre 2008, gli accessi fissi in Italia hanno raggiunto una consistenza di circa 22,6 milioni. Il mercato delle telecomunicazioni fisse è caratterizzato dalla competizione fra i vari operatori che si concentra sull’innovazione dell’offerta tramite l’introduzione di pacchetti voce/larga banda (double play) e pacchetti voce/larga banda/IPTV (triple play). L’evoluzione dell’offerta è possibile grazie al passaggio, da parte dei concorrenti, da un approccio principalmente da reseller (Carrier Selection/Carrier Pre Selection per la voce e Wholesale per l’ADSL) ad un approccio basato sul controllo delle infrastrutture (Unbundling del Local Loop - “ULL” e Wholesale Line Rental).

Lo scenario competitivo del mercato italiano è dominato, oltre che da Telecom Italia, da diversi operatori, con modelli di business differenziati e focalizzati su differenti segmenti di mercato:

  • Wind-Infostrada (operatore integrato fisso/mobile/Internet specializzato sui clienti retail con offerte 2Play a medio/basso costo);
  • Fastweb (operatore nazionale focalizzato sull’offerta di servizi larga banda e triple play ad alto valore per la clientela retail e corporate), acquisito da Swisscom;
  • BT Italia (focalizzata su clientela business ed offerte ICT: voce, dati e soluzioni IT);
  • Tiscali (operatore di servizi Internet NarrowBand e BroadBand, con offerte 2Play/VoIP a medio/basso costo);
  • Tele2 (operatore di servizi voce, Internet dial up e BroadBand, specializzato sui clienti retail con offerte 2Play/VoIP a basso costo), acquisito da Vodafone.

Inoltre nel 2008 continua la migrazione di clienti verso i servizi di telefonia mobile e verso soluzioni alternative di comunicazione (messaging, e-mail, chat). La progressiva competizione nel mercato dell’accesso ha prodotto una graduale riduzione della quota di mercato di Telecom Italia sui volumi di traffico voce retail (71% nel 2005, 70% nel 2006, 69% nel 2007 e 68% nel 2008).

Nel 2008 la crescita del mercato del BroadBand ha subìto una leggera contrazione rispetto alla dinamica degli anni precedenti, dovuta a un generale orientamento basato su una strategia di valore attraverso l’incremento della penetrazione delle offerte flat (dual/triple play) a maggior valore aggiunto. La penetrazione del Broadband è spinta da una domanda crescente di velocità e di abilitazione a nuovi servizi over IP (VoIP, Contenuti, Servizi di Social Networking, Gaming On Line, Punto LAN, IP Centrex, etc.).

Anche nel mercato dei clienti Top e della trasmissione dati, la competizione si è mantenuta elevata, con l’effetto di ridurre i prezzi medi.

Telecomunicazioni Mobili

Al 31 dicembre 2008, le linee mobili in Italia hanno raggiunto i 91,6 milioni con un tasso di penetrazione della popolazione di circa il 163,5%. Al 31 dicembre 2008 il numero delle linee mobili GSM e UMTS di Telecom Italia è di circa 34,8 milioni (di cui 7,3 milioni di linee UMTS) in flessione del 4,2% rispetto al 2007.

La market share di Telecom Italia si attesta al 38,0% in flessione rispetto al 31 dicembre 2007 (40,3%) e al 30 settembre 2008 (38,6%), ma confermando comunque la posizione di leadership (il secondo player Vodafone si attesta a 32,8% pressoché stabile rispetto a dicembre 2007).