Contrasto: Cambia il contrasto dei colori di questa pagina Cambia il contrasto dei colori di questa pagina
| Dimensione del testo: A A A
Telecom Italia S.p.A. Home page

Ricavi

Si riporta di seguito il dettaglio dei ricavi della Business Unit articolato nelle diverse componenti:

(milioni di euro)20082007Variazioni
   assolute%
Telecomunicazioni fisse 15.000 15.727 (727) (4,6)
Telecomunicazioni mobili 9.729 9.922 (193) (1,9)
Elisioni ed apporto funzioni centrali (1.461) (1.429) (32)  
TOTAL E 23.268 24.220 (952) (3,9)

Telecomunicazioni Fisse

Nel 2008 i ricavi del comparto Telecomunicazioni fisse sono pari a 15.000 milioni di euro e presentano una riduzione rispetto all’anno precedente di 727 milioni di euro (-4,6%). A livello organico, escludendo cioè gli effetti della variazione dei cambi e del perimetro di consolidamento e gli elementi non organici, la variazione dei ricavi è negativa per 664 milioni di euro (-4,2%). Si sottolinea anche il trend di miglioramento nel corso del 2008 che ha visto, nel quarto trimestre 2008, una flessione dei ricavi solo del 2,3% rispetto al corrispondente trimestre del 2007. Il grafico seguente sintetizza l’andamento dei ricavi delle principali aree di business:

2007 - 15.727: Altri-442, Wholesale-3.786, Business Data-1.673, Internet-1.468, Fonia Retail-8.358; Fonia Retail: -829; Internet: +162; Business Data: +47; Wholesale: -15; Altri: -92; 2008 - 15.000: Altri-350, Wholesale-3.771, Business Data-1.720, Internet-1.630, Fonia Retail-7.529

Fonia Retail

(milioni di euro)20082007Variazioni
 peso %peso %assolute%
Traffico 3.118 41,4 3.524 42,2 (406) (11,5)
Accesso 3.668 48,7 3.938 47,1 (270) (6,9)
VAS Fonia 257 3,4 357 4,3 (100) (28,0)
Prodotti Fonia 486 6,5 539 6,4 (53) (9,8)
Totale Fonia retail 7.529 100,0 8.358 100,0 (829) (9,9)

I ricavi di questa area di business risentono della fisiologica riduzione della base clienti e dei volumi di traffico dovuti al contesto competitivo in cui l’azienda opera. Nel corso del 2008 la consistenza degli accessi retail di Telecom Italia si è ridotta di circa 1,9 milioni unità rispetto a fine 2007 (-10%) anche a seguito della disponibilità, a partire dal 2008, di nuove soluzioni di accesso alla rete di Telecom Italia (Wholesale Line Rental) tipicamente rivolte alla clientela che aveva già migrato su operatori alternativi il proprio traffico fonia attraverso soluzioni non infrastrutturali quali la carrier selection e pre-selection. L’impatto economico in termini di minori ricavi da accesso (-270 milioni di euro) è, tuttavia, in termini di business domestico, parzialmente compensato dallo sviluppo dei servizi wholesale nazionali.

Il mercato nazionale, coerentemente con il trend rilevato nel settore a livello internazionale, procede, inoltre, con il processo di migrazione delle chiamate fisso-mobile verso soluzioni mobile-mobile. Tale direttrice determina, infatti, oltre il 50% della flessione complessiva dei ricavi da traffico (-406 milioni di euro).

Unitamente a tali dinamiche di mercato nel corso dell’esercizio si sono rilevati:

  • l’impatto della riduzione delle tariffe regolamentate di terminazione fisso–mobile (circa 100 milioni di euro totalmente compensati in termini di minori costi di interconnessione verso gli operatori mobili);
  • la disabilitazione di alcuni servizi Premium operata dall’azienda sia su base obbligatoria che volontaria che hanno fortemente impattato la dinamica di tali ricavi (-100 milioni di euro rispetto all’esercizio precedente).

Internet

(milioni di euro)20082007Variazioni
 peso %peso %assolute%
NarrowBand 60 3,7 84 5,7 (24) (28,6)
BroadBand 1.570 96,3 1.384 94,3 186 13,4
di cui contenuti/portale 120   78   42 53,8
Totale Internet 1.630 100,0 1.468 1.468 162 11,0

Il portafoglio complessivo di accessi BroadBand retail sul mercato domestico ha raggiunto 6,8 milioni di accessi a fine esercizio con una crescita rispetto a fine 2007 di 327.000 unità. E’ importante evidenziare che nell’ambito di tale sviluppo della base clienti e coerentemente con la strategia di valore che l’azienda ha perseguito per l’intero esercizio, la clientela che aderisce ad offerte Flat ha raggiunto un’incidenza del 77% sul totale portafoglio clienti retail BroadBand, con una crescita di 677.000 unità rispetto a fine 2007. Il portafoglio clienti VoIP raggiunge circa 2 milioni di accessi, con un’incidenza del 30% sul totale degli accessi BroadBand retail, mentre continuano l’espansione del servizio IPTV sul mercato Consumer (il cui portafoglio ha raggiunto i 329.000 clienti, +249.000 rispetto a fine 2007) e lo sviluppo dell’offerta e delle attività legate al web tramite il portale Virgilio/Alice.

Le positive dinamiche commerciali sopra riportate hanno consentito all’azienda di realizzare una crescita dei ricavi BroadBand rispetto all’esercizio precedente del 13,4% (+186 milioni di euro).

Business Data

(milioni di euro)20082007Variazioni
 peso %peso %assolute%
Leased Lines 198 11,5 239 14,3 (41) (17,2)
TD tradizionale 71 4,1 71 4,2 - -
TD innovativa 480 27,9 510 30,5 (30) (5,9)
Prodotti dati 211 12,3 208 12,4 3 1,4
Servizi ICT 760 44,2 645 38,6 115 17,9
Totale Business Data 1.720 100,0 1.673 100,0 47 2,8

I ricavi del comparto Business Data aumentano, rispetto al 2007, di 47 milioni di euro (+2,8%) evidenziando la capacità dell’azienda di contrastare la contrazione dei servizi di trasmissione dati e connettività forniti alle aziende con lo sviluppo dei ricavi relativi ai servizi ICT, che si incrementano di 115 milioni di euro (+17,9%).

Wholesale

(milioni di euro)20082007Variazioni
 peso %peso %assolute%
Wholesale nazionale 2.448 64,9 2.374 62,7 74 3,1
Wholesale internazionale 1.323 35,1 1.412 37,3 (89) (6,3)
Totale Wholesale 3.771 100,0 3.786 100,0 (15) (0,4)

Il portafoglio di clienti gestiti dalla divisione Wholesale di Telecom Italia ha raggiunto a fine 2008 circa 5 milioni di accessi per i servizi di fonia e 1,3 milioni per i servizi BroadBand. Tale dinamica ha determinato un impatto positivo sul business wholesale nazionale che presenta, sui correlati ricavi da servizi di accesso alla rete di Telecom Italia, una crescita di 198 milioni di euro, escludendo l’impatto della riduzione dei prezzi regolamentati per 85 milioni di euro.

Complessivamente i ricavi da servizi Wholesale nazionale, su cui incide anche la riduzione del traffico entrante, presentano rispetto all’esercizio precedente una crescita di 74 milioni di euro (+3,1%). Nel comparto dei servizi Wholesale internazionale, dove il Gruppo Telecom Italia è presente con la società Telecom Italia Sparkle e le sue controllate, i ricavi si riducono di 89 milioni di euro (-6,3%) rispetto al 2007. Tale flessione è interamente ascrivibile alla diminuzione dei ricavi da transiti generata dalla cessazione di alcuni contratti a partire dal secondo trimestre 2007 (impatto complessivo pari a 166 milioni di euro). Al netto di tale componente i ricavi confermano i positivi trend di sviluppo dell’attività già rilevati nei precedenti esercizi.

Telecomunicazioni Mobili

I ricavi dell’esercizio 2008 sono pari ad euro 9.729 milioni con una flessione, rispetto al 2007, di 193 milioni di euro. Si sottolinea che, nel quarto trimestre 2008, la variazione organica dei ricavi è stata positiva del 2,4% rispetto al corrispondente trimestre del 2007.

Il grafico seguente sintetizza l’andamento delle principali tipologie di ricavi.

2007 - 9.922: Terminali-774, Altri-465, VAS-1.928, Fonia Entrante-1.514, Fonia Uscente-5.241, Fonia Uscente: -276; Fonia Entrante: -158; VAS: +245; Altro: -90; Terminali: +86; 2008 - 9.729: Terminali-860, Altri-375, VAS-2.173, Fonia Entrante-1.356, Fonia Uscente-4.965

I ricavi da “fonia uscente” pari a 4.965 milioni di euro, in riduzione rispetto al 2007 di 276 milioni di euro (-5,3%) hanno beneficiato nell’ultimo quadrimestre del repricing intervenuto sulle tariffe della clientela consumer che ha consentito di chiudere il 4° trimestre dell’esercizio con una performance in linea rispetto allo stesso periodo dell’esercizio precedente (1.248 milioni di euro, +1 milione di euro rispetto al 2007).

I ricavi da “fonia entrante” pari a 1.356 milioni di euro, in riduzione rispetto al 2007 di 158 milioni di euro (-10,4%) risentono della riduzione dei prezzi di terminazione su rete mobile (-12% rispetto al 2007).

I ricavi da servizi a valore aggiunto (VAS) sono pari a 2.173 milioni di euro e registrano una crescita del 12,7% rispetto al 2007. Tale crescita è trainata dal costante sviluppo della clientela BroadBand (“web broadband active users”) che ha raggiunto a fine 2008 2,6 milioni di utilizzatori, con un incremento nell’esercizio di 1,4 milioni di utilizzatori.

In tale contesto si segnala la crescita di oltre il 30% dei ricavi da servizi VAS interattivi (+263 milioni di euro) che hanno interamente contribuito alla citata crescita rispetto all’esercizio precedente; i ricavi da VAS tradizionali (messaging) hanno sostanzialmente confermato i valori dell’esercizio precedente.

Il crescente apporto di questi servizi è testimoniato anche dall’incidenza dei ricavi VAS sui ricavi da servizi che raggiunge circa il 25% (22% nel 2007).

I ricavi da vendita di terminali sono pari a 860 milioni di euro, in crescita di 86 milioni di euro rispetto al 2007. Tale dinamica, pur a fronte di una riduzione delle quantità complessive vendute, è stata conseguita attraverso il miglioramento del mix di prodotti in favore dei terminali di fascia alta (3G, Netbook, Internet Key che hanno rappresentato nel 2008 oltre il 60% dei volumi di terminali venduti) con un conseguente incremento dei prezzi medi (+24%). Tale politica ha contributo in misura sostanziale allo sviluppo della penetrazione dei servizi VAS innovativi.