Contrasto: Cambia il contrasto dei colori di questa pagina Cambia il contrasto dei colori di questa pagina
| Dimensione del testo: A A A
Telecom Italia S.p.A. Home page

Andamento economico consolidato dell’esercizio 2008

I principali indicatori economici dell’esercizio 2008 confrontati con quelli del 2007 sono i seguenti:

(milioni di euro)20082007Variazioni
   assolute%% organica
Ricavi 30.158 31.013 (855) (2,8) (2,3)
EBITDA 11.367 11.668 (301) (2,6) (4,2)
Margine sui Ricavi 37,7% 37,6% 0,1pp    
Margine organico sui Ricavi 38,8% 39,5% (0,7)pp    
EBIT 5.463 5.955 (492) (8,3) (11,3)
Margine sui Ricavi 18,1% 19,2% (1,1)pp    
Margine organico sui Ricavi 19,1% 21,1% (2,0)pp    
Utile prima delle imposte derivante dalle Attività in funzionamento 2.897 4.324 (1.427) (33,0)  
Utile Netto derivante dalle Attività in Funzionamento 2.244 2.641 (397) (15,0)  
Perdita netta da Attività cessate/Attività non correnti destinate ad essere cedute (29) (186) 157 (84,4)  
Utile netto dell’esercizio 2.215 2.455 (240) (9,8)  
Utile netto dell’esercizio di pertinenza degli azionisti della Capogruppo 2.214 2.448 (234) (9,6)  

Il grafico seguente sintetizza le principali voci che hanno inciso sull’andamento dell’utile netto consolidato di pertinenza degli Azionisti della Capogruppo nel 2008:

2007: 2.448; EBIT: -492; Risultati imprese valutate ad equity e gestione partecipazioni: -485; Gestione finanziaria: -450; Imposte: +1.030; Risultato su Discontinued Operations: +157; Risultato di pertinenza di terzi: +6; 2008: 2.214

  • Ricavi

    Ammontano nel 2008 a 30.158 milioni di euro, con una riduzione del 2,8% rispetto a 31.013 milioni di euro del 2007 (-855 milioni di euro). In termini di variazione organica la riduzione dei Ricavi consolidati è stata del -2,3% (-724 milioni di euro) ed ha evidenziato segnali di rallentamento nel corso del 2008: da una riduzione di 301 milioni di euro nel primo trimestre (-4,0%) si è, infatti, passati ad una riduzione di soli 21 milioni di euro nel quarto trimestre dell’esercizio (-0,3%), grazie in particolare al recupero nel mercato Domestico.

    In dettaglio, la variazione organica dei ricavi è calcolata:

    • escludendo l’effetto della variazione del perimetro di consolidamento (-88 milioni di euro, principalmente riferibile all’ingresso delle attività internet di AOL in Germania dal 1° marzo 2007 e all’uscita di Entel Bolivia nel secondo trimestre 2008);
    • escludendo l’effetto delle variazioni dei cambi (-51 milioni di euro, dovuti alla variazione negativa dei cambi della business unit Brasile (1), pari a 29 milioni di euro, e delle altre business unit, pari a 22 milioni di euro);
    • escludendo gli altri ricavi non organici (32 milioni di euro nel 2007, 24 milioni di euro nel 2008) relativi alle variazioni delle tariffe di terminazione delle chiamate vocali intervenute a seguito della definizione di alcuni contenziosi tariffari con altri operatori.

    L’analisi dei Ricavi ripartiti per segmento di attività è il seguente:

    (milioni di euro)20082007Variazioni
     peso %peso %assolute%% organica
    Domestic 23.268 77,2 24.220 78,1 (952) (3,9) (3,9)
    Brasile 5.208 17,3 4.990 16,1 218 4,4 4,9
    European BroadBand 1.274 4,2 1.151 3,7 123 10,7 4,5
    Media, Olivetti e Altre Attività 773 2,6 922 3,0 (149) (16,2)  
    Rettifiche ed Elisioni (365) (1,3) (270) (0,9) (95) 35,2  
    Totale consolidato 30.158 18,1% 31.013 100,0 (855) (2,8) (2,3)

    (1) Il tasso di cambio medio annuo, utilizzato per la conversione in euro del real brasiliano, è pari per il 2008 a 2,67864 (espresso in termini di unità di valuta locale per 1 euro) e per il 2007 a 2,66397. L’impatto della variazione dei tassi di cambio è calcolato applicando al periodo corrente i tassi di conversione delle valute estere utilizzati per il periodo posto a confronto.

    Il grafico seguente sintetizza la variazione dei ricavi nei periodi a confronto:

    2007: 31.013; Effetto variazione perimetro di consolidamento: -88; Effetto cambi: -51; Ricavi non organici: +32; 2007 comparablle: 30.906; Domestic: -945; Brasile: +247; European Broad Band: +55; Media: +32; Olivetti: -40; Altre attivita ed elisioni:-73; 2008 comparablle:30.182; Ricavi non organici: -24; 2008: 30.158

    L’andamento dei ricavi organici nel segmento Domestico, ancorché presenti una riduzione nel raffronto con l’esercizio precedente correlata prevalentemente alla fisiologica contrazione dei Ricavi da servizi “tradizionali” quali la fonia retail su rete fissa ed i servizi di trasmissione dati tradizionale alle aziende, evidenzia una dinamica di costante recupero su base trimestrale: da una riduzione di 382 milioni di euro nel primo trimestre (-6,4%) si è, infatti, passati ad una riduzione di 39 milioni di euro nel quarto trimestre dell’esercizio (-0,6%).

    In relazione alle dinamiche che hanno determinato l’evoluzione dei Ricavi Domestic nel corso del 2008, rispetto all’anno precedente, è inoltre importante evidenziare:

    • la positiva dinamica dei Ricavi da business “innovativi” quali ad esempio i Ricavi del Broadband Fisso (+186 milioni di euro nel 2008 rispetto all’esercizio precedente), i Ricavi dei VAS Interattivi del business Mobile (+263 milioni di euro), i Ricavi da servizi ICT (+115 milioni di euro);
    • la positiva dinamica dei Ricavi del Wholesale Nazionale che, pur a fronte di importanti riduzioni in termini di prezzi regolamentati, per la quota di servizi di accesso alla rete di Telecom Italia per gli operatori alternativi (Unbundling del Local Loop, Wholesale Line Rental, Bitstream, etc.) sono cresciuti rispetto all’esercizio precedente di 113 milioni di euro. Tale dinamica ha tra l’altro consentito di compensare parzialmente il trend negativo dei ricavi da fonia retail;
    • la progressiva riduzione di alcuni impatti negativi derivanti da modifiche regolatorie e contrattuali, quali l’applicazione del “Decreto Bersani” relativamente al costo delle ricariche di telefonia mobile, la riduzione delle tariffe di terminazione, la riduzione delle tariffe del traffico roaming internazionale in ambito UE e la sopra menzionata variazione dei prezzi relativi ai servizi wholesale regolamentati di bitstream, unbundling e shared access, che nell’esercizio hanno generato minori ricavi per circa 830 milioni di euro. Tale variazione, osservata nell’evoluzione dell’esercizio su base trimestrale, evidenzia nel primo trimestre un impatto di -418 milioni di euro, che si riduce nel quarto trimestre a -81 milioni di euro.

    Per quanto concerne la crescita della business unit Brasile va segnalato il positivo contributo dei ricavi da servizi a valore aggiunto che nel confronto con l’esercizio precedente registrano una crescita superiore al 30% (+105 milioni di euro). In particolare, si segnala lo sviluppo della base clienti TIM Web (offerta di connettività broadband su tecnologia mobile) che ha raggiunto 425 mila unità a fine periodo con una crescita del 174% rispetto a fine 2007. Per una analisi più dettagliata degli andamenti dei ricavi delle singole business unit si rimanda al capitolo “Le Business Unit del Gruppo Telecom Italia”.

    Chiudi

  • EBITDA

    È pari a 11.367 milioni di euro e diminuisce, rispetto al 2007, di 301 milioni di euro (-2,6%), risentendo anche delle citate modifiche regolatorie e contrattuali. La variazione organica dell’EBITDA è stata negativa per 512 milioni di euro (-4,2%).

    L’incidenza dell’EBITDA sui ricavi passa dal 37,6% del 2007 al 37,7% del 2008; a livello organico l’incidenza sui ricavi è pari al 38,8% nel 2008 (39,5% nel 2007).

    Il dettaglio dell’Ebitda e dell’incidenza percentuale del margine sui Ricavi, ripartiti per segmento di attività, è il seguente:

     20082007Variazioni
    (milioni di euro) peso %peso %assolute%% organica
    Domestic 9.998 88,0 10.174 87,2 (176) (1,7) (4,3)
    % sui Ricavi 43,0   42,0   +1,0pp    
    Brasile 1.217 10,7 1.207 10,3 10 0,8 1,4
    % sui Ricavi 23,4   24,2   (0,8)pp    
    European BroadBand 245 2,2 297 2,5 (52) (17,5) (19,4)
    % sui Ricavi 19,2   25,8   (6,6)pp    
    Media, Olivetti e Altre Attività (78) (0,7) (5) - (73) -  
    Rettifiche ed Elisioni (15) (0,2) (5) - (10) -  
    Totale consolidato 11.367 100,0 11.668 100,0 (301) (2,6) (4,2)

    Il grafico seguente sintetizza le variazioni dell’EBITDA:

    2007: 11.668; Effetto variazione perimetro di consolidamento: -65; Effetto cambi: -13; Oneri/Proventi non organici: +618; 2007 comparabile: 12.208; Domestic: -460; Brasile: +17; European Broad Band: -59; Media: -4; Olivetti: +13; Altre attivita ed elisioni:-19; 2008 comparabile:11.696; Oneri/Proventi non organici: -329; 2008: 11.367

    Gli oneri e proventi non organici esclusi ai fini del calcolo dell’EBITDA organico sono così dettagliati:

    (milioni di euro) 20082007Variazione
    Oneri per mobilità ex lege n. 223/91 292 - 292
    Vertenze e transazioni con altri operatori 34 448 (414)
    Altri oneri netti 3 41 (38)
    Oneri per riconversioni industriali - 17 (17)
    Costi per adeguamento listino di terminazione (fisso – fisso) - 92 (92)
    Multa Antitrust - 20 (20)
    Totale Oneri (Proventi) non organici 329 618 (289)

    Sull’EBITDA hanno in particolare inciso gli andamenti delle voci di seguito analizzate:

    Chiudi

  • Acquisti di materie e servizi

    Ammontano a 13.876 milioni di euro, con una riduzione di 379 milioni di euro (-2,7%) rispetto al 2007 (14.255 milioni di euro). Le riduzioni dei costi per le quote di ricavo da riversare ad altri operatori e per spese commerciali della business unit Domestic sono stati in parte compensati dagli incrementi dei costi delle business unit European BroadBand e Brasile.

    In dettaglio:

    (milioni di euro) 20082007Variazione
    Acquisti di materie prime e merci 2.720 2.635 85
    Quote di ricavo da riversare ad altri operatori e costi di interconnessione 5.450 5.850 (400)
    Costi commerciali e di pubblicità 2.067 2.210 (143)
    Energia, manutenzioni, servizi in outsourcing 1.335 1.220 115
    Affitti e locazioni 606 595 11
    Altre spese per servizi 1.698 1.745 (47)
    Totale acquisti di materie e servizi 13.876 14.255 (379)

    L’incidenza degli acquisti sui ricavi è del 46,0%, invariata rispetto al 2007.

    Chiudi

  • Costi del personale

    Sono così dettagliati:

    (milioni di euro) 20082007Variazione
    Costi del personale società Italia:
    Costi e oneri del personale ordinari 3.474 3.544 (70)
    Oneri per la procedura di mobilità ex lege n. 223/91 292 - 292
    Ingresso nel perimetro di consolidamento di Shared Service Center 44 11 33
    Premio di risultato accertato nel 2006 e venuto meno a seguito degli accordi sindacali del giugno 2007 - (79) 79
    Ricalcolo attuariale del fondo Trattamento di Fine Rapporto (in applicazione della normativa in materia di previdenza complementare) - (59) 59
    Totale costi del personale Italia 3.810 3.417 393
    Costo del lavoro società estere:
    Costi e oneri del personale ordinari 406 390 16
    Gruppo Entel Bolivia (*) 4 15 (11)
    Totale costi del personale Estero 410 405 5
    Totale costi del personale 4.220 3.822 398

    (*) Uscito dal perimetro di consolidamento nel 2°trimestre 2008

    La riduzione di 70 milioni di euro della componente italiana dei costi ordinari del personale risente in particolare di minori oneri per esodi agevolati (-87 milioni di euro) e del minor costo derivante dalla contrazione della consistenza media retribuita (-1.746 unità rispetto al 2007, escludendo 460 unità per l’ingresso nel perimetro di consolidamento di Shared Service Center) cui si è contrapposto l’effetto del trascinamento dell’aumento dei minimi contrattuali da ottobre 2007 e da giugno 2008 previsto nel CCNL TLC del 31 luglio 2007, biennio economico 2007-2008.

    Gli oneri per gli accordi di mobilità ex lege n.223/91 si riferiscono per 287 milioni di euro alla business unit Domestic (283 milioni di euro per Telecom Italia e 4 milioni di euro per Telecom Italia Sparkle) e per 5 milioni di euro alla business unit Olivetti. Gli accordi con le Organizzazioni Sindacali sono stati siglati il 19 settembre 2008 per Telecom Italia, il 28 ottobre 2008 per Telecom Italia Sparkle e l’11 dicembre 2008 per Olivetti e Olivetti I-Jet.

    Per quanto riguarda la componente estera, hanno inciso sulla variazione dei costi del personale ordinari gli incrementi di organico della business unit Brasile e di BBNed (European BroadBand).

    La forza media retribuita è la seguente:

    (unità equivalenti) 20082007Variazione
    Forza media retribuita – Italia (1) 63.145 64.431 (1.286)
    Forza media retribuita – Estero (2) 12.883 13.847 (964)
    Totale forza media retribuita 76.028 78.278 (2.250)
    Attività non correnti destinate ad essere cedute - Estero 757 1.350 (593)
    Totale forza media retribuita - comprese Attività non correnti
    destinate ad essere cedute
    76.785 79.628 (2.843)

    (1) La variazione rispetto al 2007 comprende l’ingresso di una forza media pari a 460 unità, relative alla società Shared Service Center.
    (2) La variazione rispetto al 2007 comprende l’uscita di una forza media pari a 1.381 unità, relative al gruppo Entel Bolivia.

    L’organico al 31 dicembre 2008 è il seguente:

    (unità) 31.12.200831.12.2007Variazione
    Organico – Italia 64.242 66.951 (2.709)
    Organico – Estero 13.583 15.118 (1.535)
    Totale Personale - (escluse Attività non correnti destinate ad essere cedute) (1) 77.825 82.069 (4.244)
    Attività non correnti destinate ad essere cedute - Estero - 1.360 (1.360)
    Totale - comprese Attività non correnti destinate ad essere cedute 77.825 83.429 (5.604)

    (1) Comprende il personale con contratto di lavoro somministrato: 1.075 unità al 31.12.2008 e 1.969 unità al 31.12.2007.

    Alla riduzione complessiva del Gruppo di 4.244 unità rispetto a fine 2007 ha contribuito in particolare una riduzione degli organici della Capogruppo Telecom Italia S.p.A. di 2.674 unità, pari ad oltre il 50% del piano di efficienze varato dal Comitato Esecutivo del 4 giugno 2008.

    Chiudi

  • Altri proventi

    Sono così dettagliati:

    (milioni di euro) 20082007Variazione
    Indennità di ritardato pagamento dei servizi telefonici 86 90 (4)
    Recupero costi del personale, acquisti e prestazioni di servizi 59 58 1
    Contributi in c/impianti e in c/esercizio 44 34 10
    Risarcimenti, penali e recuperi vari 68 44 24
    Altri proventi 99 180 (81)
    Totale 356 406 (50)

    Chiudi

  • Altri costi operativi

    Sono così dettagliati:

    (milioni di euro) 20082007Variazione
    Svalutazioni e oneri connessi alla gestione dei crediti 744 951 (207)
    Accantonamenti ai fondi per rischi e oneri 82 323 (241)
    Contributi e canoni per l’esercizio di attività di telecomunicazioni 315 283 32
    Imposte sui ricavi delle società in Brasile 282 266 16
    Imposte indirette e tasse 139 155 (16)
    Penali, indennizzi e sanzioni amministrative 63 60 3
    Quote e contributi associativi, elargizioni, borse di studio e stages 26 25 1
    Altri oneri 45 168 (123)
    Totale 1.696 2.231 (535)

    Le svalutazioni e oneri connessi alla gestione dei crediti si riferiscono per 402 milioni di euro alla business unit Domestic (652 milioni di euro nel 2007), per 280 milioni di euro alla business unit Brasile (268 milioni di euro nel 2007) e per 58 milioni di euro alla business unit European BroadBand (25 milioni di euro nel 2007). Gli accantonamenti connessi alla gestione dei crediti, effettuati nel 2008, tengono conto sia della valutazione dei rischi sui crediti verso la clientela consumer e business, derivanti dalla recente evoluzione del quadro macroeconomico, sia delle azioni di recupero poste in essere.

    Gli accantonamenti ai fondi per rischi e oneri, iscritti principalmente a fronte di vertenze in corso, si riferiscono per 39 milioni di euro alla business unit Domestic (287 milioni di euro nel 2007, iscritti a fronte dei negativi andamenti dei contenziosi di natura regolatoria con altri operatori di telefonia fissa e mobile) e per 36 milioni di euro alla business unit Brasile (18 milioni di euro nel 2007). Gli altri proventi e gli altri oneri si riferiscono a sopravvenienze attive e passive.

    Chiudi

  • Ammortamenti, Plusvalenze da realizzo di attività non correnti, Svalutazioni di attività non correnti

    Gli ammortamenti sono pari a 5.906 milioni di euro (5.674 milioni di euro nel 2007), con un incremento di 232 milioni di euro, riferibile per 148 milioni di euro agli ammortamenti delle attività immateriali e per 84 milioni di euro agli ammortamenti delle attività materiali.

    L’incremento degli ammortamenti immateriali è correlato sia allo sviluppo del BroadBand Europeo sia alle quote di ammortamento relative ai costi capitalizzati per l’acquisizione della clientela (SAC – Subscriber Acquisition Costs) per offerte commerciali. L’incremento degli ammortamenti materiali è principalmente dovuto, nella business unit Domestic, allo spostamento del mix degli investimenti verso cespiti a vita utile più breve nonchè al pieno effetto, sulle quote di ammortamento 2008, delle entrate in esercizio di cespiti capitalizzati nel 2007.

    Le plusvalenze da realizzo di attività non correnti comprendono 9 milioni di euro per la cessione da parte di Telecom Italia Media del ramo d’azienda Pay-per-View nonché altre plusvalenze nette relative principalmente a dismissioni di immobili.

    Le svalutazioni di attività non correnti (33 milioni di euro nel 2008, 44 milioni di euro nell’anno precedente) si riferiscono principalmente alla svalutazione di 21 milioni di euro dell’avviamento originariamente iscritto per l’acquisizione delle attività internet di AOL in Germania. La svalutazione è stata effettuata a seguito dell’iscrizione nell’esercizio 2008 di benefici fiscali non riconosciuti al momento dell’acquisizione, in quanto all’epoca non si era ritenuto sussistessero i requisiti per la loro registrazione.

    Si segnala infine che l’impairment test effettuato sul valore recuperabile delle Cash Generating Units del Gruppo Telecom Italia ha evidenziato valori recuperabili superiori ai valori di carico, per cui non sono state effettuate riduzioni di valore dell’avviamento.

    Chiudi

  • EBIT

    È pari a 5.463 milioni di euro, con una riduzione di 492 milioni di euro rispetto al 2007 (-8,3%). La variazione organica dell’EBIT è stata negativa per 736 milioni di euro (-11,3%). L’incidenza dell’EBIT sui ricavi passa dal 19,2% del 2007 al 18,1% del 2008, a livello organico è pari al 19,1% nel 2008 (21,1% nel 2007).

    Il grafico seguente sintetizza le variazioni dell’EBIT:

    2007: 5.955; Effetto variazione perimetro di consolidamento: -46; Effetto cambi: -4; Oneri/Proventi non organici: +609; 2007 comparablle: 6.514; Domestic: -604; Brasile: +40; European Broad Band: -134; Media: -5; Olivetti: +20; Altre attivita ed elisioni: -53; 2008 comparablle: 5.778; Oneri/Proventi non organici: -315; 2008: 5.463

    Gli oneri e proventi non organici esclusi ai fini del calcolo dell’EBIT organico sono così dettagliati:

    (milioni di euro) 20082007Variazione
    Oneri non organici già dettagliati nell’EBITDA 329 618 (289)
    Plusvalenze non ricorrenti da cessione immobili (25) (10) (15)
    Plusvalenza da cessione ramo d’azienda Pay-per-View (9) - (9)
    Svalutazione Avviamento European BroadBand 21 - 21
    Svalutazioni per riconversioni industriali - 6 (6)
    Altri proventi netti (1) (5) 4
    Totale Oneri (Proventi) non organici 315 609 (294)

    Chiudi

  • Quota dei risultati delle partecipazioni in imprese collegate e a controllo congiunto valutate con il metodo del patrimonio netto

    È così dettagliata:

    (milioni di euro) 20082007Variazione
    ETECSA 53 49 4
    Sofora Telecomunicaciones 24 25 (1)
    Tiglio I e Tiglio II (7) 11 (18)
    Altre (6) 1 (7)
    Totale 64 86 (22)

    Chiudi

  • Saldo altri proventi (oneri) da partecipazioni

    È così dettagliato:

    (milioni di euro) 20082007Variazione
    Dividendi da Altre partecipazioni 3 7 (4)
    Plusvalenze nette su cessione di Altre partecipazioni 2 462 (460)
    Svalutazioni di Altre partecipazioni (1) (2) 1
    Totale 4 467 (463)

    Si ricorda che nel 2007 le Plusvalenze nette su cessioni di Altre partecipazioni comprendevano, in particolare, la plusvalenza derivante dalla cessione degli interi pacchetti detenuti in Oger Telecom (86 milioni di euro), Capitalia (38 milioni di euro), Mediobanca (109 milioni di euro), Solpart Participações (201 milioni di euro) ed in Brasil Telecom Participações (27 milioni di euro).

    Chiudi

  • Saldo dei proventi (oneri) finanziari

    È così dettagliato:

    (milioni di euro) 20082007Variazione
    Valutazione al fair value delle opzioni call sul 50% del capitale sociale di Sofora Telecomunicaciones (190) 70 (260)
    Proventi su riacquisto di obbligazioni proprie 62 - 62
    Chiusura anticipata di strumenti derivati in cash flow hedge 19 55 (36)
    Svalutazione crediti verso Lehman Brothers (58) - (58)
    Oneri finanziari netti, adeguamenti al fair value di derivati e altre partite (2.467) (2.309) (158)
    Totale (2.634) (2.184) (450)

    Con riferimento alla svalutazione dei crediti verso Lehman Brothers International Europe Ltd e Lehman Brothers Special Financing Inc. si segnala che, all’annuncio da parte della società Lehman Brothers Holding Inc. dell’avvio delle procedure di fallimento, il Gruppo Telecom Italia aveva in essere con Lehman Brothers International Europe Ltd e Lehman Brothers Special Financing Inc. operazioni, garantite da Lehman Brothers Holding Inc., in strumenti derivati destinate alla copertura dei rischi finanziari correlati all’esistenza di debiti finanziari.

    A seguito dell’annuncio il Gruppo Telecom Italia ha attivato le procedure legali volte a determinare la cessazione anticipata delle operazioni in essere e al recupero dei crediti. Come conseguenza di tale cessazione, il Gruppo Telecom Italia, avendo una posizione creditoria nei confronti di Lehman Brothers International Europe Ltd e Lehman Brothers Special Financing Inc., ha provveduto a svalutare tali crediti sino al presunto valore di realizzo, per un ammontare complessivo di 58 milioni di euro.

    Il peggioramento di 158 milioni di euro di oneri finanziari netti, adeguamenti al fair value di derivati e altre partite è riferibile per 70 milioni di euro agli effetti composti di rialzo dei tassi di interesse e variazione dell’esposizione debitoria, per 36 milioni di euro all’adeguamento al fair value di derivati in hedge accounting e non, agli oneri derivanti dall’attualizzazione del debito afferente l’acquisto delle licenze di telefonia mobile per il servizio 3G da parte della business unit Brasile (32 milioni di euro), nonché ad altre partite minori.

    Chiudi

  • Imposte sul reddito

    Sono pari a 653 milioni di euro e registrano un decremento di 1.030 milioni di euro rispetto al 2007. La riduzione è principalmente dovuta ai seguenti fenomeni:

    • minori aliquote fiscali applicate per il conteggio delle imposte correnti in Italia: l’aliquota IRES si è ridotta dal 33% al 27,5%; l’aliquota IRAP dal 4,25% al 3,90% rispetto all’anno 2007 con un impatto complessivo sulla Capogruppo Telecom Italia di 137 milioni di euro;
    • stanziamento da parte di alcune società del Gruppo, di imposte differite attive divenute recuperabili a partire dall’esercizio 2008 (circa 90 milioni di euro). L’esercizio 2007 aveva beneficiato del recupero netto di imposte (withholding tax) sugli interessi maturati antecedentemente al 1° gennaio 2004 a favore delle controllate residenti nell’Unione Europea, pari a 96 milioni di euro;
    • riallineamento fiscale, con un beneficio netto di 515 milioni di euro, attuato da alcune società del Gruppo così come consentito dalla Legge 24 novembre 2007 n. 244, art. 1, comma 48, in base alla quale a seguito dell’iscrizione di una imposta sostitutiva di 533 milioni di euro si è registrato un provento di 1.048 milioni derivante da rettifiche di imposte differite;
    • minor base imponibile.

    Chiudi

  • Perdita netta da Attività cessate/Attività non correnti destinate ad essere cedute

    È pari a 29 milioni di euro (186 milioni di euro la perdita netta del 2007) e comprende principalmente:

    • la contribuzione negativa al consolidato del gruppo Liberty Surf, sino alla data di cessione, pari a -188 milioni di euro (-222 milioni di euro nell’intero anno 2007);
    • la plusvalenza pari a 160 milioni di euro, al netto degli oneri accessori, per la cessione avvenuta il 26 agosto 2008 dell’intera partecipazione detenuta in Liberty Surf Group S.A.S. (holding delle attività BroadBand in Francia).

    Nel 2007 la voce comprendeva, oltre a quanto sopra evidenziato, 36 milioni di euro relativi alla parziale proventizzazione di un fondo al netto di ulteriori accantonamenti e oneri connessi alle operazioni di cessione avvenute negli anni precedenti.

    Chiudi