Contrasto: Cambia il contrasto dei colori di questa pagina Cambia il contrasto dei colori di questa pagina
| Dimensione del testo: A A A
Telecom Italia S.p.A. Home page

Azionisti

Comunicazione finanziaria

Nel corso del 2008 il più importante evento di comunicazione finanziaria è stato l’aggiornamento del piano strategico (Londra, 3 dicembre 2008) durante il quale Telecom Italia ha illustrato alla Comunità Finanziaria le strategie e gli obiettivi per il triennio 2009-2011.

La società ha organizzato, inoltre, più di 200 incontri formali con il mercato (analisti finanziari, investitori istituzionali e individuali) consistenti in conference call, road show e partecipazione a conferenze settoriali, a cui si aggiungono i contatti quotidiani.

Particolare importanza ha rivestito la comunicazione finanziaria rivolta agli investitori con focus specifico sul Socially Responsible Investing (SRI). Agli investitori SRI è stato dedicato uno specifico road show che si è svolto su due piazze europee (Parigi e Francoforte).

Sul fronte dei rapporti con gli azionisti individuali (retail), la strategia di Telecom Italia mira ad aumentare i canali di comunicazione finanziaria, al fine di rispondere in maniera efficace alla crescente richiesta di informazione e di tempestivo aggiornamento sul Gruppo. Strumento centrale di tale strategia è il Club degli azionisti “TI Alw@ys ON”.

  • Tutela della privacy e protezione dei dati

    Nel 2008 sono state aggiornate le linee guida di Gruppo per conformare le modalità operative e i sistemi informatici ai requisiti privacy in materia di gestione dei dati dei clienti o ex-clienti. Sono state rivisitate le policy di Gruppo per l’autovalutazione delle misure di sicurezza adottate per i trattamenti di dati personali affidati a terzi (fornitori, consulenti, ecc.) e sono state emesse nuove linee guida per il trattamento di dati personali attraverso strumenti informatici.

    E’ stato avviato un ampio progetto finalizzato ad elevare ulteriormente il livello di protezione dei dati di traffico telefonico e telematico, anche in relazione a specifiche prescrizioni del Garante Privacy per i fornitori di servizi di comunicazioni elettroniche. E’ inoltre proseguita l’attività di diffusione della cultura della privacy in azienda attraverso interventi formativi dedicati. L’applicazione delle normative è monitorata tramite un sistema di controllo basato su procedure di autovalutazione periodica da parte dei responsabili del trattamento di dati personali e su verifiche a campione. In particolare, nel 2008 l’attività di controllo si è focalizzata sulla rete di vendita, sulle attività di customer care e di recupero crediti e su alcune società controllate. Inoltre, la Società di Auditing e Compliance del Gruppo ha svolto decine di verifiche presso strutture interne e presso terzi (es. fornitori di servizi software) sull’adozione delle misure di sicurezza previste per la protezione dei dati personali. Infine, ai sensi della regola 26 dell’allegato B (Disciplinare Tecnico in materia di misure minime di sicurezza) del Codice Privacy, Telecom Italia dà atto di aver redatto il Documento Programmatico sulla Sicurezza (DPS) per l’anno 2008.

    Chiudi

  • Risk Management

    A partire dal 2003, il Gruppo Telecom Italia ha adottato il CRSA (Control & Risk Self Assessment) come strumento di governance del rischio aziendale attraverso il quale viene realizzata l’identificazione, la valutazione e la gestione dei rischi operativi. Il CRSA si basa sull’autovalutazione del rischio da parte del management, con l’ausilio di misure e parametri quali-quantitativi, a cui seguono la rilevazione del sistema dei controlli già esistenti e le eventuali proposte di miglioramento. Nel 2008 sono stati definiti i nuovi orientamenti strategici e gli obiettivi di Gruppo per il triennio 2009-2011.

    Chiudi