Contrasto: Cambia il contrasto dei colori di questa pagina Cambia il contrasto dei colori di questa pagina
| Dimensione del testo: A A A
Telecom Italia S.p.A. Home page

Nota 21 – Fondi per rischi e oneri

Diminuiscono, rispetto al 31 dicembre 2007, di 365.350 migliaia di euro e presentano la seguente composizione e variazione:

(migliaia di euro) 31.12.2007 Incrementi Utilizzo a
c/economico
Utilizzo
diretto
Riclassifiche/
altri movimenti
31.12.2008
Fondo Imposte e rischi fiscali 279.382 - - (211.206) - 68.176
Fondo per oneri di ripristino 354.630 21.834 - (7.616) - 368.848
Fondo vertenze legali 320.739 30.521 - (211.664) - 139.596
Fondo rischi commerciali 64.417 2.450 (20.570) - - 46.297
Fondo oneri e rischi su
partecipazioni
e operazioni societarie
121.559 64.065 - (5.194) - 180.430
Altri fondi per rischi e oneri 71.919 7.694 - (31.597) (4.067) 43.949
Totale 1.212.646 126.564 (20.570) (467.277) (4.067) 847.296
di cui:
Quota non corrente 737.640 533.966
Quota corrente 475.006 313.330

In particolare si segnala che:

Il fondo imposte e rischi fiscali diminuisce di euro 211.206 migliaia, rispetto al 31 dicembre 2007, a seguito degli utilizzi connessi alla definizione con l’Agenzia delle Entrate, mediante l’istituto dell’accertamento con adesione, dei contenziosi per il periodo 2002/2006 e alla chiusura mediante conciliazione del contenzioso tributario relativo all’accertamento Blu (incorporata in TIM S.p.A. nel 2002). Per maggiori dettagli sulla definizione di tali contenziosi, si rimanda alla Nota “Passività ed attività potenziali, impegni e garanzie”.

Il fondo per oneri di ripristino si riferisce agli accantonamenti dei costi previsti per lo smantellamento dei cespiti e il ripristino dei siti. Si incrementa, rispetto al 31 dicembre 2007 di 14.218 migliaia di euro quale saldo tra:

  • gli effetti positivi derivanti dall’imputazione a conto economico degli oneri finanziari per il trascorrere del tempo (20.284 migliaia di euro ) e dei nuovi accantonamenti (1.550 migliaia di euro);
  • gli effetti negativi derivanti dagli utilizzi (7.616 migliaia di euro).

Il fondo vertenze legali si riduce di 181.143 migliaia di euro, rispetto al 31 dicembre 2007, principalmente a seguito delle transazioni relative ai contenziosi con Fastweb, H3G e Wind. Comprende gli stanziamenti a fronte di vertenze con il personale (29.763 migliaia di euro), gli Enti Previdenziali (2.994 migliaia di euro) e con i terzi (106.839 migliaia di euro).

Il fondo rischi commerciali si riduce di 18.120 migliaia di euro, rispetto al 31 dicembre 2007, principalmente per l’assorbimento a conto economico di quota parte del fondo relativo al canone di concessione (periodo 1994-1998) a seguito di un aggiornamento della stima del rischio sull’eventuale versamento dei conguagli al Ministero delle Comunicazioni.

Il fondo oneri e rischi su partecipazioni e operazioni societarie aumenta di 58.871 migliaia di euro a seguito principalmente dell’accantonamento (47.613 migliaia di euro) effettuato per tener conto delle perdite registrate nel 2008 da Telecom Italia Capital imputabili all’esposizione della società verso Lehamn Brother.

Gli altri fondi rischi e oneri comprendono principalmente il fondo liberazione frequenze, il fondo per attività di retention ed il fondo rischi legato a contestazioni in materia regolatoria con AGCom e Antitrust. Gli utilizzi riguardano principalmente il pagamento della sanzione di 20.000 migliaia di euro comminata a Telecom Italia dall’Antitrust (procedimento A357) nel mese di agosto 2007 per asserite condotte anticoncorrenziali.