Contrasto: Cambia il contrasto dei colori di questa pagina Cambia il contrasto dei colori di questa pagina
| Dimensione del testo: A A A
Telecom Italia S.p.A. Home page

Nota 30 – Altri costi operativi

Diminuiscono rispetto al 2007 di 571.565 migliaia di euro e sono così composti:

(migliaia di euro) 2008 2007
     
Svalutazioni ed oneri connessi alla gestione dei crediti 397.568 604.584
Accantonamenti ai fondi per rischi ed oneri 34.235 277.339
Contributi e canoni per l'esercizio di attività di telecomunicazioni 49.132 50.623
Imposte indirette e tasse 95.197 107.983
Quote e contributi associativi, elargizioni, borse di studio e stages 24.048 21.886
Penali, indennizzi e sanzioni amministrative 63.481 59.890
Altri oneri e sopravvenienze passive 24.285 137.206
TOTALE 687.946 1.259.511
Di cui inseriti tra le informazioni integrative sugli strumenti finanziari 397.568 604.584

Per ulteriori informazioni sugli Strumenti Finanziari si rinvia alla Nota “Informazioni integrative su strumenti finanziari”.
Si riducono di 571.565 migliaia di euro rispetto all’esercizio 2007. La riduzione è principalmente attribuibile ai minori stanziamenti ai fondi per rischi ed oneri (-243.104 migliaia di euro) e alle minori svalutazioni e oneri connessi alla gestione dei crediti (-207.016 migliaia di euro) a seguito della diminuzione degli accantonamenti al fondo svalutazione crediti e delle perdite per transazioni. Le svalutazioni connesse alla gestione dei crediti, effettuate nel 2008, tengono conto sia della valutazione dei rischi sui crediti verso la clientela consumer e business derivanti dalla recente evoluzione del quadro macroeconomico, sia delle azioni di recupero poste in essere nell’ambito della telefonia fissa.

Si segnala, inoltre, che nell’esercizio 2007 erano stati effettuati sia stanziamenti ai fondi rischi ed oneri a fronte di contenziosi di natura regolatoria con altri operatori di telefonia fissa e mobile, sia accantonamenti connessi alla gestione di crediti scaduti relativi a clienti di telefonia mobile con contratti di tipo “post-paid” e di crediti in sofferenza verso clienti di telefonia fissa con i quali è stato chiuso il rapporto contrattuale.