Contrasto: Cambia il contrasto dei colori di questa pagina Cambia il contrasto dei colori di questa pagina
| Dimensione del testo: A A A
Telecom Italia S.p.A. Home page

Nota 9 - Crediti commerciali, vari e altre attività correnti

Diminuiscono, rispetto al 31 dicembre 2007, di 432.030 migliaia di euro e sono così analizzabili:

(migliaia di euro) 31.12.2008 di cui
Strumenti
Finanziari
31.12.2007 di cui
Strumenti
Finanziari
Crediti per lavori su commessa 26.404 22.767
Crediti commerciali
  • Crediti verso clienti
3.455.705 3.455.705 3.682.830 3.682.830
  • Crediti verso altri gestori di telecomunicazioni
1.305.087 1.305.087 1.313.288 1.313.288
  • Crediti verso imprese controllate
167.718 167.718 197.741 197.741
  • Crediti verso imprese collegate e a controllo congiunto
102.216 102.216 150.837 150.837
  • Crediti verso altre parti correlate
38.860 38.860 48.392 48.392
  • Incassi dall'utenza in corso di accredito
28.397 28.397 20.867 20.867
5.097.983 5.097.983 5.413.955 5.413.955
Crediti vari ed altre attività correnti
  • Crediti verso imprese controllate
34.164 51.337
  • Crediti verso imprese collegate
2.204 2.204 6.455 6.455
  • Crediti verso altre parti correlate
166.444 166.444 234.996 234.996
  • Crediti verso altri
722.755 297.420 736.015 267.085
  • Risconti attivi di natura commerciale e varia
389.425 405.884
1.314.992 466.068 1.434.687 508.536
Totale 6.439.379 5.564.051 6.871.409 5.922.491

Per ulteriori informazioni sugli Strumenti Finanziari si rinvia alla Nota “Informazioni integrative su strumenti finanziari”.

Sono di seguito riportate le analisi, al 31 dicembre 2008 e 31 dicembre 2007, dell’anzianità dei crediti commerciali, vari ed altre attività correnti che non hanno subito una riduzione di valore.

Di cui scaduti da:
(migliaia di euro) 31.12.2008 di cui
non scaduti
0-90 gg. 91-180 gg. 181-365 gg. Oltre 365 gg.
Crediti commerciali, vari e altre attività correnti 5.564.051 4.355.902 172.358 183.776 219.978 632.037

Di cui scaduti da:
(migliaia di euro) 31.12.2007 di cui
non scaduti
0-90 gg. 91-180 gg. 181-365 gg. Oltre 365 gg.
Crediti commerciali, vari e altre attività correnti 5.922.491 4.668.860 330.598 1228.020 344.646 350.367

In particolare si segnala che l’aumento, rispetto al 31 dicembre 2007, dei crediti scaduti da oltre 365 gg., è principalmente determinato da posizioni verso altri gestori di telecomunicazioni per la sospensione degli incassi e dei pagamenti a seguito di contenziosi in corso di definizione; nello stesso tempo sono aumentate anche le corrispondenti posizioni debitorie.

I crediti commerciali ammontano a 5.097.983 migliaia di euro (5.413.955 migliaia di euro al 31 dicembre 2007) e sono al netto del relativo fondo svalutazione crediti di 561.389 migliaia di euro (713.598 migliaia di euro al 31 dicembre 2007).

La movimentazione del fondo svalutazione crediti è stata la seguente:

(migliaia di euro) 2008 2007
Al 1° gennaio 713.598 539.441
Accantonamenti a conto economico 264.595 391.800
Utilizzo (416.804) (218.343)
Altri movimenti - 700
Al 31 dicembre 561.389 713.598

Si riferisce per 338.381 migliaia di euro (461.808 migliaia di euro al 31 dicembre 2007) a svalutazioni individuali e per 223.008 migliaia di euro (251.790 migliaia di euro al 31 dicembre 2007) a svalutazioni per massa. Gli accantonamenti al fondo svalutazione crediti sono effettuati in maniera specifica sulle posizioni creditorie che presentano elementi di rischio peculiari. Sulle posizioni creditorie che non presentano tali caratteristiche sono invece effettuati accantonamenti sulla base dell’inesigibilità media stimata per il segmento di clientela di appartenenza.

Gli accantonamenti al fondo svalutazione crediti, effettuate nel 2008, tengono conto sia della valutazione dei rischi sui crediti verso la clientela consumer e business derivanti dalla recente evoluzione del quadro macroeconomico, sia delle azioni di recupero poste in essere nell’ambito della telefonia fissa.

Nel 2007 l’aumento del fondo svalutazione fu motivato dalla necessità di una maggiore copertura a seguito dell’incremento dei crediti di telefonia mobile scaduti relativi a contratti “post-paid”, nonché all’aumento dei crediti di telefonia fissa verso clienti con i quali è stato chiuso il rapporto contrattuale (crediti in sofferenza).

I crediti verso clienti sono pari a 3.455.705 migliaia di euro e diminuiscono di 227.125 migliaia di euro rispetto al 31 dicembre 2007 principalmente per la diminuzione del fatturato attivo e per le azioni effettuate al fine di incrementare gli incassi.

I crediti verso imprese controllate pari a 167.718 migliaia di euro, sono relativi principalmente all’erogazione di servizi di TLC a Telecom Italia Sparkle (53.010 migliaia di euro), Hansenet (30.152 migliaia di euro), Matrix (24.301 migliaia di euro), e Tim Participaçoes (12.744 migliaia di euro).

I crediti verso imprese collegate e a controllo congiunto, pari a 102.216 migliaia di euro, sono relativi in particolare a LI.SIT (48.908 migliaia di euro) nell’ambito del progetto di fornitura di carte sanitarie alla Regione Lombardia e a Teleleasing (48.289 migliaia di euro) per vendita di prodotti e servizi di TLC.

I crediti verso altre parti correlate pari a 38.860 migliaia di euro, sono relativi in particolare a posizione creditorie verso Assicurazioni Generali (15.086 migliaia di euro) e verso il gruppo Banca Intesa (12.400 migliaia di euro).

I crediti vari ed altre attività correnti ammontano a 1.314.992 migliaia di euro (1.434.687 migliaia di euro al 31 dicembre 2007), e sono al netto di un fondo svalutazione pari a 56.417 migliaia di euro. Sono così composti:

(migliaia di euro) 31.12.2008 31.12.2007
Anticipi a fornitori 87.042 61.750
Crediti verso imprese controllate 34.164 51.337
Crediti verso imprese collegate 2.204 6.455
Crediti verso altre parti correlate 166.444 234.996
Crediti verso il personale 24.091 36.676
Crediti tributari 51.648 50.186
Partite diverse 559.974 587.403
Risconti attivi di natura commerciale e varia 389.425 405.884
Totale 1.314.992 1.434.687

I crediti verso imprese controllate sono relativi principalmente alle posizioni creditorie connesse alla procedura IVA di Gruppo e al consolidato fiscale.

I crediti verso imprese collegate si riferiscono ai rapporti con LI.SIT.

I crediti verso altre parti correlate si riferiscono a cessioni di crediti verso dealers, per vendita di apparecchiature di telefonia mobile, effettuate a Mediofactoring, società del gruppo Banca Intesa.

I crediti tributari pari a 51.648 migliaia di euro sono essenzialmente rappresentati da importi a credito risultanti da dichiarazioni fiscali e dall’IVA sulle acquisizioni di autoveicoli e relativi accessori chiesta a rimborso ai sensi del DL 258/2006, convertito con modificazioni dalla L 278/2006.

Le partite diverse comprendono in particolare:

  • il credito ancora in essere verso l’Amministrazione finanziaria (99.701 migliaia di euro) dovuto a titolo di interessi legali maturati fino alla data del rimborso della quota capitale del contributo per l’esercizio dell’attività di telecomunicazioni per l’anno 1999. Si segnala che, con sentenza notificata il 10 febbraio 2009, il TAR del Lazio ha accolto il ricorso per ottemperanza presentato da Telecom Italia lo scorso novembre 2008 ed ha disposto la corresponsione dei citati interessi legali;
  • i crediti verso altre società di factoring (191.000 migliaia di euro);
  • il credito per il Servizio Universale (56.207 migliaia di euro);
  • i crediti verso lo Stato e l’Unione Europea (32.176 migliaia di euro) a fronte di contributi a valere sui progetti di ricerca e formazione.

I risconti attivi di natura commerciale e varia sono prevalentemente attinenti a canoni per affitto immobili (69.310 migliaia di euro), canoni di noleggio e manutenzione (8.449 migliaia euro), premi assicurativi (14.369 migliaia di euro) nonché al differimento di costi afferibili al riconoscimento dei ricavi in applicazione dello IAS 18 (189.096 migliaia di euro).